Da oggi in vigore il green pass. Chiarimenti per alberghi e agriturismi

CIA - Lombardia > CIA Lombardia > Da oggi in vigore il green pass. Chiarimenti per alberghi e agriturismi

Da oggi 6 agosto è in vigore il Green Pass (Certificazione verde Covid 19), per i cittadini di età superiore ai 12 anni che vogliano accedere a eventi sportivi, fiere, congressi, musei, parchi tematici e di divertimento, centri termali, sale bingo e casinò, teatri, cinema e concerti. Ma anche per voglia sedersi ai tavoli al chiuso di bar e ristoranti (non sarà invece necessario per consumare al bancone e neppure all’aperto). E in piscine, palestre, centri benessere, limitatamente alle attività al chiuso.

Non è invece necessario il green pass per i clienti che pernottano in alberghi e agriturismi.

Inoltre il Governo ha chiarito con una faq (https://bit.ly/3lGvSLw) che se il ristorante dell’albergo o agriturismo è aperto solo ai clienti della struttura non serve il green pass.

Si legge infatti nella faq che “i clienti di una struttura ricettiva possono accedere ai servizi di ristorazione offerti dalla struttura esclusivamente per la propria clientela, anche in caso di consumo al tavolo in un locale al chiuso, senza mostrare una certificazione verde”.

Se invece il ristorante dell’albergo o agriturismo è aperto anche a clienti che non alloggiano nella struttura, e si vuole consumare al chiuso, il green pass serve.

Il Governo specifica infatti che Nel caso in cui, invece, i servizi di ristorazione della struttura ricettiva siano aperti anche a clienti che non alloggiano nella struttura, l’accesso sarà riservato soltanto a chi, cliente della struttura o cliente esterno, è in possesso di una certificazione verde COVID-19, in caso di consumo al tavolo al chiuso”.

Il green pass è rilasciato a chi ha ricevuto il vaccino (almeno una dose); a chi ha il tampone negativo (in questo caso il certificato ha una validità di 48 ore dall’esecuzione del test); a chi è guarito dal Covid (in questo caso la durata della certificazione verde è di 6 mesi a far data dall’avvenuta guarigione).

Sono i titolari o i gestori dei servizi e delle attività per i quali è introdotto l’obbligo del green pass che devono verificare il possesso di idonea certificazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.