La Campagna nutre la Città: 12 appuntamenti a gennaio con i mercati agricoli di Cia Lombardia

CIA - Lombardia > CIA Lombardia > La Campagna nutre la Città: 12 appuntamenti a gennaio con i mercati agricoli di Cia Lombardia

Ripartono dal 2 gennaio i mercati agricoli de La Campagna nutre la Città, organizzati da Cia Lombardia e La Spesa in Campagna a Milano e Melegnano.

In vendita i prodotti genuini e stagionali degli agricoltori come ortaggi, frutta, uova, miele, prodotti dell’alveare, marmellate, cereali, riso, zafferano, formaggi caprini, vaccini, latticini di bufala, latte di capra, salumi, carni bovine, suine, pollami, conigli e trasformati, pasta fresca, pane e vino.

Ecco tutte le date del mese:

Giovedì 2 gennaio, Milano Piazza San Nazaro in Brolo, dalle 9.00 alle 16.00 (solo frutta e verdura)

Mercoledì 8 gennaio, Milano Piazza Santa Francesca Romana, 9.00 alle 16.00

Giovedì 9 gennaio, Milano Piazza San Nazaro in Brolo, a partire dalle 9.00 alle 16.00

Sabato 11 gennaio, Milano Piazza Durante, dalle 9.00 alle 14.00

Mercoledì 15 gennaio, Milano Piazza Santa Francesca Romana, dalle 9.00 alle 16.00

Giovedì 16 gennaio, Milano Piazza San Nazaro in Brolo, a partire dalle 9.00 alle 16.00

Domenica 19 gennaio, Melegnano Piazza della Vittoria, dalle 9.00 alle 14.00

Mercoledì 22 gennaio, Milano Piazza Santa Francesca Romana, dalle 9.00 alle 16.00

Giovedì 23 gennaio, Milano Piazza San Nazaro in Brolo, a partire dalle 9.00 alle 16.00

Sabato 25 gennaio, Milano Piazza Durante, dalle 9.00 alle 14.00

Mercoledì 29 gennaio, Milano Piazza Santa Francesca Romana, dalle 9.00 alle 16.00

Giovedì 30 gennaio, Milano Piazza San Nazaro in Brolo, a partire dalle 9.00 alle 16.00

“I mercati contadini sono un modo per acquistare prodotti tipici, direttamente da chi li produce e li coltiva, rispettando quindi l’ambiente e favorendo l’economia agricola locale”, spiegano gli organizzatori. “Attraverso questo strumento è possibile far conoscere e valorizzare le produzioni del territorio, rinsaldare il rapporto tra produttori e consumatori e favorire il turismo enogastronomico. Va sottolineato poi l’aspetto legato alla qualità e la stagionalità delle produzioni che contraddistingue i prodotti della filiera corta”, aggiunge Cia Lombardia, “venduti in luoghi vicini a quelli di produzione, mantenendo così inalterate la freschezza, l’aroma e le proprietà nutrizionali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.