Cia Pavia, convegno inaugurale per la nuova sede di Mede. Focus su sfide nuova Pac

CIA - Lombardia > Dal territorio > CIA Pavia > Cia Pavia, convegno inaugurale per la nuova sede di Mede. Focus su sfide nuova Pac

Le sfide che la nuova Politica Agricola Comunitaria impone agli agricoltori sono state il tema centrale del convegno organizzato da Cia Pavia lo scorso 10 dicembre Mede (PV). Un convegno che è stata anche l’occasione per inaugurare la nuova sede zonale della confederazione pavese, nella stessa Mede in Via Matteotti 51.

Sono intervenuti, oltre a Davide Calvi (presidente di Cia Pavia) e Giovanni Daghetta (presidente di Cia Lombardia) Domenico Mastrogiovanni, Direttore del CAA Cia nazionale, Simone Silvestri, Area Mercati Ente Nazionale Risi di Milano e Fabrizio Carena, Assessore del Comune di Mede, su delega del sindaco Guardamagna.

Tra gli ospiti, il dott. Carrà, presidente di Ente Risi, l’onorevole Marco Maggioni, il consigliere regionale Roberto Mura e il presidente di Gal Risorsa Lomellina, Stefano Leva.

Un nutrito gruppo di agricoltori soci Cia ha partecipato al dibattito che si è incentrato sulle sfide che la nuova Pac impone al comparto agricolo, illustrate da Mastrogiovanni, con un affondo sul settore risicolo a cura di Silvestri.

“Le proposte comunitarie individuano, negli imprenditori agricoli, i gestori e i custodi dell’ambiente, degli habitat e del paesaggio. In particolare chiedono che, facendo impresa, si contribuisca alla mitigazione dei cambiamenti climatici, si tuteli la biodiversità e si migliorino i servizi ecosistemici”, hanno spiegato gli organizzatori. “Funzioni necessarie per giustificare le ingenti risorse erogate dalla Comunità Europea al settore e che, in un contesto di instabilità dei mercati, di calamità naturali ed emergenze fitosanitarie sempre più frequenti, continuano ad essere indispensabili per mantenere le imprese italiane competitive e sostenibili.

Un intenso periodo attende ora gli enti preposti, dalla Regione all’Ente Risi, fino alle associazioni di categoria agricole e agli imprenditori stessi, per poter declinare le strategie della Pac cogliendo al meglio le vocazioni produttive territoriali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.