Decreto Sostegni, contributi anche per l’agroalimentare. Domande fino al 28 maggio. Cia lancia portale dedicato

CIA - Lombardia > CIA Lombardia > Decreto Sostegni, contributi anche per l’agroalimentare. Domande fino al 28 maggio. Cia lancia portale dedicato

Con l’obiettivo di contenere l’impatto sociale ed economico delle misure di prevenzione adottate il Consiglio dei Ministri ha approvato lo scorso 19 marzo il decreto-legge “Sostegni”

Il provvedimento,   organizzato in 5 aree di intervento (imprese e partite iva, lavoro, salute e sicurezza, enti territoriali, trasporto e scuola), impegna circa 32 miliardi di cui 11 destinati alle imprese e ai professionisti maggiormente danneggiati dalle chiusure imposte negli ultimi tre mesi.

Per quanto riguarda il settore agricolo sono previsti:

– un nuovo esonero contributivo per il mese di gennaio 2021;

– l’ulteriore finanziamento di 150 milioni del Fondo per lo sviluppo e il sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura, istituito presso il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (totale 300 milioni);

– il rifinanziamento della Cisoa (Cassa integrazione salariale operai agricoli) fino al 31 dicembre 2021 per un massimo di 120 giorni

In generale il provvedimento prevede poi un contributo a fondo perduto per i soggetti titolari di partita IVA che svolgono attività d’impresa, arte o professione, nonché per gli enti non commerciali e del terzo settore, senza più alcuna limitazione settoriale o vincolo di classificazione delle attività economiche interessate.

Potranno presentare richiesta per questi sostegni i soggetti che abbiano subito un calo del fatturato 2020 pari ad almeno il 30% rispetto al fatturato 2019; il contributo è parametrato alla differenza tra il fatturato medio mensile del 2019 e il fatturato medio mensile del 2020. Il nuovo meccanismo ammette le imprese con ricavi fino a 10 milioni di euro, a fronte del precedente limite di 5 milioni di euro e prevede un contributo minimo di euro 1.000 per le ditte individuali e euro 2.000 per le società. 

Dal 31 marzo fino al prossimo 28 maggio anche le aziende della filiera agroalimentare potranno fare domanda per i contributi a fondo perduto del Dl Sostegni.

PER SAPERNE DI PIU’ E VERIFICARE SE HAI I REQUISITI GIUSTI PER POTERLO OTTENERE, VAI SUL PORTALE CIASostieneleimprese (Il link utile: https://sites.google.com/cia.it/ciasostieneleimprese/home-page)

Il canale online, messo a punto dall’Ufficio Fiscale di Cia permette, con pochi e semplici passi, di verificare prima di tutto se si possiedono i requisiti per fare domanda. Basterà compilare il questionario per ricevere conferma o meno e avere modo di essere supportati nella compilazione, direttamente dai tecnici Cia nella sede più vicina alla propria azienda.

Tecnici ed esperti Cia sono a disposizione nelle sedi regionali e zonali per dare risposte e supporto anche sulle nuove disposizioni in materia di trattamenti di integrazione salariale; rifinanziamento del fondo per il Reddito di Cittadinanza; disposizioni in materia di Reddito di Emergenza; esonero contributivo a favore delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura; fondo per il sostegno delle attività economiche particolarmente colpite dall’emergenza epidemiologica; incremento del Fondo per lo sviluppo e il sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura. E ancora, sulla proroga del periodo di sospensione delle attività dell’Agente della riscossione e annullamento dei carichi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.