“Amati, compra un fiore italiano”. Al via la campagna di Florovivaisti Italiani

CIA - Lombardia > CIA Lombardia > “Amati, compra un fiore italiano”. Al via la campagna di Florovivaisti Italiani

“Amati, compra un fiore italiano” è questo il messaggio che l’Associazione Florovivaisti Italiani affida alla campagna di sensibilizzazione ideata e promossa per richiamare l’attenzione dei cittadini sul valore e la qualità del florovivaismo Made in Italy, settore tra i più colpiti dall’emergenza Coronavirus.

Florovivaisti Italiani chiede un gesto di maggiore attenzione e anche di solidarietà nell’acquisto del verde. Privilegiare il Made in Italy, significa non solo portare a casa prodotti floricoli di qualità, ma anche contribuire alla tenuta di 24 mila aziende del settore e dell’intera filiera, lungo tutta la penisola.

Farlo, del resto, è molto semplice, basta andare nei vivai e garden center, rigorosamente italiani, e scegliere prodotti che sull’etichetta di tracciabilità, prevista anche per questo settore dallo scorso dicembre, riportino alla lettera B, il codice IT.

“La chiusura di mercati e negozi, oltre allo stop di cerimonie civili e religiose -chiarisce Aldo Alberto- hanno procurato al florovivaismo perdite per oltre 1 miliardo di euro. Ad oggi, poco o nulla è stato fatto per un comparto che non aveva mai avuto bisogno di alcun aiuto”.

“Nonostante il Governo abbia chiarito, più volte, che i prodotti del florovivaismo si possono commercializzare e vendere anche al dettaglio -aggiunge poi Alberto- ci sono amministrazioni che ancora non applicano le norme per la riapertura. Mancano, inoltre, misure importanti da parte dello Stato, come un fondo specifico per il ristoro dalle perdite subite”.

“Noi non ci arrendiamo -dichiara, infine, il presidente dell’Associazione Florovivaisti Italiani, Aldo Alberto-. Ora più che mai abbiamo bisogno del sostegno delle istituzioni e dei cittadini. Le esortazioni del ministro Bellanova, rafforzano, inoltre, la necessità di una campagna di sensibilizzazione forte, così come l’abbiamo già pensata. Tutti dobbiamo comprare fiori e piante italiane”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.