Allarme ungulati: Cia Lombardia chiede la ripresa delle pratiche di abbattimento

CIA - Lombardia > CIA Lombardia > Allarme ungulati: Cia Lombardia chiede la ripresa delle pratiche di abbattimento

Da alcuni giorni si registra un incremento di danni da parte di cinghiali la cui incidenza sul territorio pare favorita dal rarefarsi della presenza umana e dalla sospensione dei piani di controllo, effetto delle disposizioni restrittive emanate nell’ambito dell’emergenza Covid-19.

Sono molte infatti le segnalazioni pervenute da imprenditori agricoli impegnati nelle attività di coltura.

Per questo motivo Cia Lombardia, anche richiamando la circolare emanata il 6 aprile 2020 dalla Direzione generale agricoltura, alimentazione, sistemi verdi e politico faunistico venatorie di Regione Lombardia, ha inviato una lettera agli Utr provinciali per sollecitare la ripresa della pratiche di abbattimento della fauna selvatica.

Come si legge infatti in tale circolare, spiega Cia Lombardia, i corpi di Polizia provinciale e metropolitana possono considerarsi non soggetti alle limitazioni emanate nell’ambito dell’emergenza Covid-19 e possono proseguire nell’attività di controllo faunistico anche con l’eventuale coinvolgimento dei proprietari dei fondi danneggiati, in possesso delle autorizzazioni di legge.

Riteniamo dunque urgente intervenire per arginare un annoso problema che in questi giorni si sta manifestando in modo ancor più grave.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.